Così dice il Signore: 
«Ecco io creo nuovi cieli e nuova terra; 
non si ricorderà più il passato, non verrà più in mente, 
poiché si godrà e si gioirà sempre 
di quello che sto per creare, 
e farò di Gerusalemme una gioia,
del suo popolo un gaudio. 
Io esulterò di Gerusalemme, godrò del mio popolo. 
Non si udranno più in essa voci di pianto,
grida di angoscia».