Misteri dolorosi

Primo mistero doloroso



Gesù che suda sangue e soffre al Getsèmani

Allora Gesù andò con loro in un podere, chiamato Getsèmani, e disse ai discepoli: "Sedetevi qui, mentre io vado là a pregare".
E presi con sé Pietro e i due figli di Zebedèo, cominciò a provare tristezza e angoscia. Disse loro: "La mia anima è triste fino alla morte; restate qui e vegliate con me... Padre mio, se è possibile passi da me questo calice! Però non come voglio io, ma come vuoi tu" (Mt 26, 36-39).

Padre nostro, 10 Ave o Maria, Gloria


Secondo mistero doloroso



La flagellazione di Gesù

Pilato diceva loro: "Che male ha fatto?". Allora essi gridarono più forte: "Crocifiggilo!". E Pilato, volendo dar la soddisfazione alla moltitudine, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perchè fosse crocifisso (Mt 15, 14-15).

Padre nostro, 10 Ave o Maria, Gloria



Terzo mistero doloroso



L'incoronazione di spine a Gesù

Allora i soldati del governatore condussero Gesù nel pretorio e gli radunarono attorno tutta la coorte. Spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto e, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo,  con una canna sulla destra; poi mentre gli si inginocchiavano davanti lo schernivano: "Salve, re dei giusei!" (Mt 27. 27-30).

Padre nostro, 10 Ave o Maria, Gloria



Quarto mistero doloroso



La salita al Calvario con la croce


Essi allora presero Gesù ed egli, protando la croce, si avviò verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Gòlgota e con lui altri due, uno da una parte e uno dall'altra, e Gesù nel mezzo (Gv 1, 17-19).

Padre nostro, 10 Ave o Maria, Gloria



Quinto mistero doloroso



La crocifissione e morte di Gesù

Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: "Ho sete". Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. E dopo aver ricevuto l'aceto Gesù disse: "Tutto è compiuto!". E chinato il capo spirò. (Gv 19, 28-30).

Padre nostro, 10 Ave o Maria, Gloria



Salve o Regina,

 
Salve Regina, Madre di misericordia, vita, dolcezza, speranza nostra, salve. A te ricorriamo esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci dopo questo esilio Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.
Amen.